Dedicated Analytical Solutions

23-06-2011

FOSS presenta il nuovo MilkoScan™ FT1, l’apparecchio che aiuterà a meglio utilizzare il latte in ingresso, mediante l’analisi della composizione, e consentirà di determinare anche eventuali anomalie.

Il MilkoScan FT1 è costruito con la collaudata tecnologia utilizzata per il MilkoScan™ FT120. Una semplice e facile da usare interfaccia software ne rende semplice l’utilizzo da parte di chiunque. Il modulo integrato (ASM) rileva eventuali anormalità che sono così direttamente segnalate all’operatore.

Piccoli aggiustamenti di grande effetto
Il concetto di standardizzazione del latte sta crescendo di popolarità consentendo di incrementare la resa ed i profitti dell’industria. I produttori possono ottenere significativi margini di profitto controllando il tenore di grasso, proteine od altro. Ad esempio una azienda che lavora 300.000 litri di latte al giorno può tenere sotto controllo le caratteristiche del latte risparmiando circa 0,014% di grasso per litro. In un anno questo risparmio equivale a circa 60.000 US $.

Modulo per l’identificazione degli spettri anomali
Al mondo, il latte crudo con anormalità sta diventando sempre di più un problema. L’anormalità può essere causata da adulterazione volontaria o da cause accidentali quali ad esempio la miscelazione di latte di diverso tipo.

Il modulo per l’identificazione degli spettri anomali (ASM) è un software opzionale che consente al FOSS MilkoScan™ di rilevare le anormalità nel latte crudo e nei prodotti a base di latte. La misura è effettuata simultaneamente all’analisi sulla composizione e non sono necessarie ulteriori apparecchiature.
Il campione è analizzato rispetto al profilo di un latte normale. Un avviso viene attivato nel caso i valori non corrispondano e ciò consente di verificare la ragione dell’anormalità.

Realizzato al meglio
Il MilkoScan FT1 è solido ed affidabile come il suo predecessore MilkoScan FT120. Le calibrazioni fornite sono robuste e ricavate da un enorme database. Le caratteristiche includono la pulizia automatica per evitare contaminazioni fra campioni ed un software intuitivo e facile da utilizzare da chiunque lavori nell’impianto.

Dorthe Bisgard Oldrup, responsabile del settore Dairy in FOSS, commenta “Questa nuova soluzione analitica offre ai produttori l’opportunità di meglio utilizzare il latte in ingresso, di ottenere significativi risparmi e di effettuare simultaneamente anche una prima valutazione su eventuali adulterazioni.”

Il MilkoScan FT1 è complementare al già noto MilkoScan FT2 che consente l’analisi, oltre che del latte, anche di prodotti viscosi, come lo yogurt, senza nessuna preparazione del campione.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cliccare qui per maggiori approfondimenti

×